venerdì 20 novembre 2015

Hamburger o pesce? Cucù: i panini che non ti aspetti

Via Gaetano Andreozzi, 45 Aversa (CE)
Tel.338.192.8940

Da un paio d'anni, a rimorchio del fenomeno delle pizzerie autodefinitesi gourmet, è nata una nuova tendenza: le bracerie. 


Oggi è figo andare alla braceria, è out andare alla steakhouse, è antidiluviana la definizione di paninoteca mentre è frequente trovare insegne che pomposamente introducono alla migliore agri-braceria-pizzeria-ristopub della città!


Come per le pizzerie gourmet, in questi posti il menù elenca uno straordinario parterre di prodotti di eccellenza che abilmente verranno oltraggiati in preparazioni improbabili. 
Fortunatamente non tutto è perduto nel mondo delle polpette: c'è una interessante pattuglia di cuochi che ha deciso di puntare al panino, usando le proprie competenze per offrire, agli amanti dei buns, occasioni di grande vero piacere. 


Francesco Lama è uno di questi. Pentito di avere aperto Braci&braci (addirittura due volte braceria....!), ha rinnovato il concept e... Cucù, ecco un nuovo interessante locale ad Aversa dove gustare grandi panini.


La novità certamente più clamorosa è l'avere puntato su di un menù che presenta panini con il pesce in egual misura di quelli con le carni. 

Il panino con il pesce?!? 


Amici questo panino con salmone tagliato al coltello, pesto di verdure, valeriana, pomodoro ramato e caprino (nientepopodimeno che di Carmine Bonacci) vi farebbe rimpiangere il vostro classico hamburger?


E questo con tonno tagliato al coltello, broccoli baresi, crema di parmigiano e maionese alla senape?


Il versante marino del menù di Cucù è divertente e ce n'è per tutti i gusti, soprattutto per coloro che amano i fritti: il baccalà, le alici, il polpo, un gran bel fish&chips. Gli accostamenti sono di personalità ed equilibrati, intriganti, spesso inusuali ed in alcuni casi addirittura delicati. 



Stesso, identico discorso vale per i piatti e i panini che vedono protagoniste le carni di Sabatino Cillo: l'attenzione di Francesco e Sonia (la sua deliziosa signora) e una ottima piastra ai carboni, valorizzano in modo elegante la marchigiana o il maiale, accompagnando il bravo (per avere scelto questo posticino suggerito da Cucinapop) avventore in un viaggio saporito che porterà ad un esaltato appagamento.




Se vi trovate in zona, vale la pena fare un salto da Cucù, considerati anche i costi leggermente inferiori ai pub di livello: i panini o i piatti sono proposti dai 6 ai 9 euro, gli antipasti tra i 4 ed i 6 euro, le birre trentine Fravort ad un prezzo appetibilissimo, così come i dolci. Per antipasto, birra e panino possono bastare anche 15 euro.  


E un selfacchinoe con Francesco e Sonia me lo potevo perdere!?!