venerdì 20 febbraio 2015

Lo You Too, vivere l'Irlanda in terra di lavoro

Via vicinale Arena, 6
Caserta Tel.: 0823/32.23.30

Non so se succede anche a voi: spesso mi capita di volere fare fortemente qualcosa ma puntualmente di rimandarla. Forse è un'inconsapevole paura di rimanere delusi dalle aspettative createsi o semplicemente una di quelle indulgenze che ci si concede anche nel tempo libero. 


Fatto sta, che lo You Too è uno di quei locali dove sarei voluto andare da tempo e che ancora non avevo visitato!
Dopo Dublino, ho dovuto subito rimediare a questa mia mancanza, rimproverandomi -al termine della serata- di non averlo fatto prima. 


Lo You Too è la differenza tra il volere fare ed il volere essere un Irish pub. 
Qui non si viene accolti da legni scintillanti, ne da maxi schermi che vomitano musica a tutto volume. Al contrario, si avverte da subito quel senso di intimità e calore che è tipico dei pub irlandesi; quadretti vittoriani, citazioni di Yeast, ricordi di viaggi, lampade e lampadari, sono alcuni tra gli elementi decorativi di quel che è più corretto chiamare Public House.



E' esattamente quel che aveva in mente Davide Caccavale quando, nel 2006, ha coronato il sogno di vivere un angolo d'Irlanda in terra di lavoro. 
Lo You Too, nei primi anni di gestione, apriva alle 17.00, offrendo agli appassionati la possibilità di grandi stout con club sandwich e patatine really english. Oggi, pur aprendo ad orari più adeguati per le nostre latitudini, non ha rinunciato ad essere punto di riferimento per coloro che apprezzano le tipicità d'oltremanica. 



Veri Fish&Chips, vere alette di pollo, stufati alla stout, evocativi basket of chips si contendono il menù con interessanti elaborazioni della cucina come i tortini di patate (deliziosi) o i panini con pregiate carni italiane.




Il beveraggio merita un capitolo a parte, come d'altro canto è d'uopo in un pub irlandese: birre stout a go go con la Beamish di base, attorno alla quale ruotano, ospiti in territorio irlandese, la McEwan's e la Antoniana. Due chicche, davvero per amanti, sono rappresentate dalla presenza di una rossa Porterhouse e dal sidro Bulmers.


Tra i distillati che non si osi chiedere rum o whisky: qui si beve solo whiskey irlandese!!!
A Dublino ci tengono a sottolineare che il whisky made in USA è distillato una volta, quello scozzese due volte e solo quello irlandese è distillato ben tre volte; ed è scritto con la "e"; e, neanche a dirlo, è il migliore!


Chi passasse da queste parti, farebbe cosa buona e giusta a prendere, insieme ad un brownie o a dei pancakes, uno dei migliori Irish coffee che si possano gustare in Campania.




Ovviamente non si può lasciare lo You Too senza avere curiosato tra le memorabilia e i ricordi sugli U2, gruppo del quale il publicaner casertano-probabilmente si sarà intuito- è moderato seguace... 


Non ricordatelo alla sua dolce metà, la quale si è vista "abbandonata" con un Caccavale jr appena nato, perchè Davide aveva avuto la soffiata della presenza di Bono Vox e compagni in uno studio di registrazione a Dublino. Le foto in bella mostra, documentano che il prode -ma non per tutti- è riuscito nell'intento...
Per finire,  i costi: per 6 birre, 2 tortini di patate, 2 panini, 1 fish&chips, 1 piatto di alette di pollo, 1 brownie e 1 irish coffee 80 euro (20 euro a pp)

Davide & U2

We2