lunedì 24 novembre 2014

La polacca aversana tra storia, leggenda e innovazione

Spesso l'origine di un dolce è ammantato di leggenda, probabilmente perchè la ricetta è stata trasmessa solo oralmente negli anni o forse per l'ispirazione prodotta dalle piacevoli sensazioni che solo i dessert riescono a donare.

Polacca aversana Aversa Cucinapop Pelosi

La polacca non è da meno e anzi il dolce principe della pasticceria aversana è al centro di tante storie che meritano di essere raccontate. Per farci un'idea definitiva sull'argomento abbiamo visitato tre pasticcerie tra le più antiche della città.

Polacca aversana Aversa Cucinapop Pelosi

Pelosi, casa fondata nel 1919, sorge proprio al centro di Via Roma, la strada dello shopping cittadino ed è la patria indiscussa della polacchina, la versione da colazione del dolce a base di crema ed amarena. 


Polacca aversana Aversa Cucinapop Pelosi

Proprio in questi giorni, la quarta generazione di famiglia ha aperto un nuovo punto vendita, neanche a dirlo chiamato "La polaccheria", che sorge nella zona più antica della città, nei pressi della chiesa di S.Maria a Piazza e del nuovo tribunale di Napoli nord.


Polacca aversana Aversa Cucinapop Pelosi Polaccheria

I cugini Felice&Felice ci danno la loro versione dei fatti. 
Il trisavolo Pelosi, ricco mercante originario delle Puglie, decide di fermarsi ad Aversa aprendo negli anni ben 4 esercizi commerciali. 


Polacca aversana Aversa Cucinapop Pelosi Polaccheria

Da uno di questi avrà origine l'antica pasticceria di Via Roma nella quale decisero di riproporre una versione locale del pasticciotto pugliese ( in tutto il sud noto con il nome di bocconotto o -soprattutto in campania- bucchinotto) realizzandolo in pasta brioches invece che con la frolla; ovviamente la forma non poteva essere quella classica e dunque si optò per l'odierno saccottino. 


Polacca aversana Aversa Cucinapop Pelosi Polaccheria

Nella prima metà del '900 Aversa era indicata come la capitale della produzione di calzature e probabilmente questo nuovo dolce da colazione fu battezzato da qualcuno del ramo "polacchina", per la somiglianza con la celebre scarpa.

Altra famiglia, altra versione. 
Mungiguerra, celebre pasticceria, sorta nel 1926 proprio a due passi da Pelosi ed oggi attiva anche nella zona di Aversa sud e Caserta, si divide l'onere e l'onore di essere considerata patria natia della polacca.

Polacca aversana Aversa Cucinapop Mungiguerra

Franco Mungiguerra ci racconta la genesi della gran polacca, la torta che il papà Nicola cominciò a proporre in città già dagli anni '30. 
Allora come oggi, nei momenti forti, a fianco ai dolci della tradizione, i pasticcieri propongono sempre delle novità. 


Polacca aversana Aversa Cucinapop Mungiguerra

Ad Aversa nel primo dopoguerra, soprattutto tra i ricchi commercianti, il dolce del momento era una zuppa inglese a base di crema ed amarene, composta in un piatto fornito dalla clientela. Don Nicola decise di "impiattare" la zuppa inglese in due dischi di pasta brioches, rielaborando gli ingredienti di un altro dolce molto in voga in città in quel periodo, soprattutto a colazione -la polacchina- ed ecco nata la Gran polacca.


Polacca aversana Aversa Cucinapop Mungiguerra Gran Polacca

A queste belle storie di pasticceria, fanno da prologo almeno due leggende che circolano intorno alla nascita della polacchina.
La prima recita che in uno dei conventi della città (Aversa, di origine antichissima, già diocesi dal 1050, è chiamata la città delle 100 chiese) una novizia proveniente dalla Polonia si inventò ( o portò con se) la ricetta che ha dato vita al dolcetto.


Polacca aversana Aversa Cucinapop Mungiguerra Gran Polacca

La seconda, racconta della visita ad Aversa di una regina polacca, che fu ospitata in uno dei suddetti conventi. Le suore, cercarono di offrire alla sovrana qualcosa di adeguato al suo rango per colazione, elaborando un dolce che avesse ingredienti affini al gusto centro europeo ed ecco nata la polacca.

Polacca aversana Aversa Cucinapop Marino Polacchina Cioccopolacca

Gigino Marino, sornione e simpaticissimo, ci racconta queste ed altre storie proprio al centro di via del Seggio; Gigino è una miniera di notizie ed aneddoti cittadini ma è soprattutto il titolare della omonima pasticceria che dal 1958 rallegra gli aversani che passano in zona con le sue dolci creazioni.  
Nonostante abbia raccolto il testimone di una delle pasticcerie più antiche della città (Fabozzi), Marino non si annovera tra i creatori della polacchina o della polacca, ma con la ciokkopolacca è sicuramente l'autore della rielaborazione più apprezzata dai frequentatori dei locali dell'animato centro storico.

Polacca aversana Aversa Cucinapop Marino Polacchina Cioccopolacca

Cioccolato sia nell'impasto che nel ripieno ed ecco indovinata un nuova declinazione della polacchina, proposta solo nelle sere del fine settimana e da qualche tempo anche di buon mattino. Un'idea di marketing intelligente che ravviva l'attenzione su questo gustoso dolcetto.

Polacca aversana Aversa Cucinapop Marino Polacchina Cioccopolacca

Ultima nata in città e probabilmente l'omaggio più ardito alla tradizione pasticciera aversana è la pizza polacca.

Polacca aversana Aversa Cucinapop Pizzapolacca Pizzeria Mimi

Antonio Molitierno della pizzeria Mimì propone da qualche giorno questa golosa chiusura di pasto ai suoi avventori. L'abbondante crema pasticciera accompagnata dalle classiche amarene e un ghiotto cornicione ripieno -ancora di crema pasticciera con note al limone- stanno decretando l'immediato successo dell'ultima nata nella famiglia delle polacche aversane. 

Polacca aversana Aversa Cucinapop Pizzapolacca Pizzeria Mimi

La polacca è uno di quei piccoli piaceri che è bello concedersi. Un'esperienza che un Popper non dovrebbe farsi mancare.