mercoledì 29 ottobre 2014

Dal contadino al giornalista:grazie.

La vicenda Foreste Molisane ha davvero dell'incredibile e al dovuto rilievo che è stato dedicato alla notizia si aggiunge il personale sconcerto di chi ama questa terra.

Castel di Sasso

Giuseppe Gravante, da Piana di Monte Verna, imprenditore zootecnico da sempre, insignito della cittadinanza onoraria di Gioia Sannitica, ha perpetrato per almeno 15 anni tutti i reati che costituiscono l'incubo economico-ambientale campano e in particolare casertano.

L'abbazia benedettina di Sant'Angelo in Formis

Questo spregevole personaggio, per un profitto presunto di 70.000 euro all'anno, ha inquinato il fiume Volturno già dal suo tratto medio e di conseguenza gran parte del litorale domizio; ha interrato o bruciato ai piedi del massiccio del Matese gli scarti di produzione; ha mischiato latte in reso e scaduto con latte fresco rimettendolo in commercio.


Ognuna di queste azioni, scientificamente realizzate allo scopo di risparmiare denaro, è uno sfregio a tutti noi: è il sopruso, l'illecito, la sopraffazione che combattiamo nel nostro personale quotidiano, realizzato su scala industriale.

Mai come oggi è necessario che questo territorio dia una risposta netta, che denunci con i fatti la propria repulsione per pratiche del genere, che sottolinei il lavoro dei tanti produttori che ci mostrano quanto il buono ed il bello non prescindano dal sano e giusto. 

L'agriturismo Le Campestre

In questo post ho voglia di ringraziare coloro che ogni giorno lavorano per promuovere il nostro territorio, che ci regalano buon cibo, esperienze di gusto, momenti di condivisione, approfondimento, conoscenza. Voglio esprimere gratitudine a contadini e giornalisti, chef e imprenditori, pizzaioli e viticoltori, ricercatori, storici, mastri birrai, fotografi, professori e chiunque altro consente a noi consumatori di scegliere ed amare i frutti della nostra terra.